Le Linee Guida:
un lavoro di squadra

L’introduzione del nuovo obbligo di etichettatura ha generato dubbi circa la corretta applicazione della norma, nonché numerosi quesiti su casistiche specifiche e complesse.

Per questo CONAI ha deciso di sviluppare uno strumento dedicato al tema, nonché le “Linee Guida sull’etichettatura ambientale degli imballaggi, proprio con l’obiettivo di supportare le imprese.

Il documento è il frutto di un lavoro di squadra e che CONAI ha promosso con una serie di tavoli di confronto, in particolare con UNI, Confindustria e Federdistribuzione, dai quali è nata una lettura condivisa dei nuovi obblighi, dando luce alla prima bozza di Linea Guida, poi sottoposta a consultazione pubblica.

Le Linee Guida adottate dal Ministero per l’Ambiente e la Sicurezza Energetica con il Decreto Ministeriale n. 360 del 28 settembre 2022, ricalca i contenuti delle Linee Guida per una etichettatura ambientale obbligatoria degli imballaggi di CONAI.


L’auspicio è che questa Linea Guida, unitamente al tool e-tichetta, possa offrire da una parte risposte ai dubbi interpretativi sul nuovo dettame normativo, dall’altra indirizzare alla corretta applicazione dello stesso.

Luca Ruini, Presidente di CONAI

Le linee guida sono il frutto del lavoro del gruppo tecnico avviato dal CONAI che per oltre un anno, d’intesa con il Ministero, ha raccolto le esigenze di tutti i settori produttivi e fornito supporto per l’implementazione di una normativa che ha come obiettivo primario quello di migliorare la qualità della raccolta differenziata degli imballaggi e aumentare la consapevolezza dei consumatori rispetto al destino finale di tali rifiuti.”

Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica